Terror Nullius


Terror Nullius (Australia, 2018, 54') opera a prescindere da qualsiasi condizione di verità, e nella deflagrazione dei codici fallologocentrici si pone alla stregua di un bellissimo trailer incendiario per una realtà-cinema che è là da venire: da Picnic at Hanging Rock (Australia, 1975, 107') a Mad Max: Fury Road (Australia, 2015, 120'), passando per The Rocky Horror Picture Show (USA/UK, 1975, 100'), il film del duo Soda_Jerk dissesta un panorama che sembra dato e fa ciò attraverso una composizione che, pur prendendo le mosse da quella che, prima facie, ha più i caratteri della decomposizione che di una vera e propria decostruzione, destituisce col medesimo gesto con cui ricrea, inventa, seleziona. Del resto, il fatto stesso che il film voglia inscriversi all'interno del drama piuttosto che del documentario la dice lunga sull'operazione perpetrata da Soda_Jerk; infatti, componendosi attraverso spezzoni di film, manipolati, rieditati, fatti bruciare, interpolati l'uno con l'altro e via dicendo, il mediometraggio di fatto suppone la realtà come un secondo grado rispetto alla possibilità o, ed è lo stesso, il vero è comunque derivato dal dato cinematografico. Il carattere di drama, di finzione, è in questo senso posto attivamente e positivamente: il film non è un dell'ordine del found footage più di quanto del found footage non si possa dire di qualsiasi altro film. Più precisamente, le coordinate filmiche che Soda_Jerk va a rimestare non si limitano a descrivere ma effettuano o quantomeno prescrivono un preciso panorama reale: panorama che denota secondo termini misogini e tutto sommato biancorazziali un ambiente che è poi quello australiano. I film, cioè, secondo Soda_Jerk non si limitano alla fiction ma, attraverso un'inaudita potenza del falso, coordinano le menti, effettuano sensibilità che sono poi quelle che si ritrovano ad essere, a vivere in un determinato mondo. Il cinema trascendentale che ha luogo in Australia è, in questo senso, ideologicamente carico, e questa carica, lungi dal porsi a livello prettamente filmico, segregato nella sala cinematografica, viene poi riversata nel mondo - mondo che, dunque, altro non sarebbe che la proiezione vera e propria, in quanto effettuata, nel senso di ri-coordinata, ri-pensata, ma anche ri-sentita, da quegli occhi e quelle menti che hanno più subito che visto quel cinema. Soda_Jerk, allora, combatte la finzione con la finzione. Come drama, esso ha a che fare col cinema; non è un documentario, e non lo è nella misura in cui, checché se ne voglia, il documentario non ha effetto sul reale. Il dato filmico, invece, interviene sul reale, sicché intervenire sul dato filmico significa dare un'altra chance al mondo, per quanto questa possa essere imbastardito da preconcetti machisti. È, in fondo, la ripresa di quel nicciano «sacro sgomento» che genera nel pensatore il pensiero della discrepanza tra arte e verità: la verità è forgiata dall'arte nel senso che la verità altro non è che una fissazione della sembianza, della parvenza trasfigurata dall'arte. La grandezza di Terror Nullius, dunque, non sta tanto nel prendersi gioco dei cliché omofobi del cinema trascendentale né nell'evidenziare come ad esso soggiaccia un'ideologia proto-fascista; Terror Nullius, infatti, non fa del meta-cinema, se per fare del meta-cinema intendiamo l'autoriferimento fondamentale e, tutto sommato, innocuo, buono giusto per quella fastidiosa risata del cinefilo in sala. Di più, Soda_Jerk opera col cinema e in particolare col cinema di finzione (drama, ma più generalmente col cinema trascendentale tout court) perché attraverso esso è possibile intervenire nella realtà. Se il cinema trascendentale ha sempre a che fare con un'immagine politica, parassitariamente maschilista, sgradevolmente razzista, ecco allora che ad essa bisogna opporre una vera e propria politica delle immagini, di quelle stesse immagini: da un lato, per scovarne l'essenza fascistoide e, dall'altro, per reinscriverle all'interno di un montaggio che ne schizofrenizzi il carattere paranoide e, di conseguenze ma immediatamente, abbia la propria efficacia sul piano del reale. Atto anarchico nei confronti del cinema, cospirazionista nei confronti del mondo, Terror Nullius ribatte quanto Land sosteneva, e cioè che una guerra contro il capitalismo, oggi, non possa che essere combattuta all'inferno: e l'inferno, ovverosia l'abisso di cui poi il mondo non è che effetto di superficie, è il sistema d'intrattenimento, il cinema così com'è stato declinato nella sua forma trascendentale; la possibilità di uscire dal cinema trascendentale attraverso il cinema trascendentale è lo stesso che combattere la finzione con la finzione o, in termini piani, recuperare l'essenza originaria, cioè creativa, del dato filmico, il quale è sempre al principio. Come una guerra, il cinema sta all'inizio nel senso che dà inizio: e dà inizio a tutto ciò che accade, ovverosia il mondo. Come drama, il film è principio, ed è appunto questa l'operazione fondamentale di Soda_Jerk: al principio non c'è il mondo, ma il mondo è l'accadere di ciò che si trova saldo ed implicito nel principio - sua esplicazione. Il principio è cinematografico, ma lo è nel momento in cui non è ciò che accade ad essere primo ma il fatto stesso di poter accadere in un certo e determinato modo: e Terror Nullius mostra appunto, con fare nicciano, come sia appunto il cinema, l'arte (cinematografica) a porre valori, valori che poi vengono fissati in quel sistema di verità che viene conosciuto come mondo. Intervenire su questo principio, intervenire sul cinema, porre una politica delle immagini significa, da un lato, intervenire sul cinema ma, dall'altro e immediatamente, dischiudere già la possibilità di un nuovo mondo o, meglio, un mondo diverso, perché là da venire, e in tal senso è un'opera superomistica, poiché, lungi dall'intervenire sull'accaduto, modifica, fonda nuovamente e in maniera tanto originale quanto originaria l'accadere come possibilità di ciò che può - nonostante tutto, cioè nonostante il mondo comunque cinematograficamente deviato dalle immagini politiche dei film trascendentali - accadere.

Nessun commento:

Posta un commento