Fotogrammi #38: Blue Monet



«Questo film è un omaggio a Claude Monet e a Eustace R. Brown, i quali mi hanno insegnato a "coltivare il mio giardino". Nel mio lavoro cinematografico degli ultimi vent'anni, l'acqua è stato un punto di riferimento per il mio stato emotivo. Guardare l'acqua, che sia l'acqua di un lago o del mare, significa affrontare due zone illimitate, da una parte quella dell'acqua e del cielo e dall'altra quella del bordo misterioso in cui s'incontrano.  Trovo che questa visione sia uno dei più forti indizi dell'infinito. Dal canto suo, Monet è un artista che io ho sempre ammirato enormemente. Il suo uso del colore per l'acqua e per il cielo, finalizzato a trasmettere il suo stato emotivo, ha avuto una grande influenza su di me. Che si trattasse dei primi raggi di luce che scintillavano sulla riva del mare o di quel tempo magico che precede di poco il tramonto, il senso del colore di Monet, nonché il suo trasporto, è sempre stato perfetto. Così, ho utilizzato le mie tecniche di cinema alchemico per tradurre su pellicola le mie impressioni riguardanti questo senso di Monet per il colore, per l'acqua, per il cielo e per la sua icona più potente, cioè il giglio d'acqua. Utilizzando il suono, l'emulsione liquida, la reticolazione e via dicendo, ho tradotto l'esperienza di Monet sulla superficie del mio film. Ora, una forma illustrativa è quella che, mediante la sua propria intelligenza, vi dice immediatamente di cosa è forma, mentre invece una forma non-illustrativa lavora prima sulla sensazione e poi fa lentamente trapelare la realtà. Il lavoro alchemico fornisce sia una forma illustrativa che una forma non-illustrativa... la profondità esperienziale della rappresentazione (la fonte fotografica), e una sensuale (astratta) superficie del selvaggio, assieme visibile e invisibile e comunque sentita, percepita. Questa è la creazione artistica: un'unione tra la bellezza che è la conversione di Monet attraverso la mia natura alchemica in una nuova forma per una nuova generazione di spettatori.» (Carl E. Brown)

Nessun commento:

Posta un commento