71° Mostra del cinema di Venezia: The old man of Belem (O velho do Restelo)




Nel corso dell'ultima edizione della Mostra del cinema di Venezia ho sottolineato più volte come certe pellicole tendessero più verso alla letteratura che al cinema, e l'ultimo film di Manoel de Oliveira, O velho do Restelo (Portogallo, 2014, 19'), in un certo senso non fa eccezione, e anzi si direbbe che sia il più letterario di tutti, zeppo com'è di riferimenti che trovano il proprio centro, appunto, nella letteratura (il titolo fa riferimento all'opera di Luis de Camões e si fonda sui testi di Teixeira de Pascoaes, che a sua volta richiama la figura di Camilo de Castelo Branco, e quelli di Cervantes, in particolar modo il suo Don Chisciotte della Mancia); ciononostante non si deve pensare che il cortometraggio di de Oliveira si affianchi a quanto visionato sinora, e anzi se ne discosta immediatamente, tant'è che a paradigma di quanto sinora scritto si potrebbe prendere la bellissima sequenza in cui il libro viene sommerso dal mare. Ecco, il cinema subissa veramente la letteratura, in O velho do Restelo, ma la subissa per fagocitarla, enuclearla, introiettarla, insomma per riconciliarsi con essa, e questo è palese nel momento in cui de Oliveira, nel film, coniuga la citazione letteraria a quella cinematografica (o found footage), arrivando infine a creare un universo ancora ai primordi, dove tutto ciò che esiste è un'eco della materia, unica e originaria (cinema e letteratura) da cui è scaturito e di cui è frammento. Ecco, l'operazione di de Oliveira sembra proprio sintetizzarsi in questa visione sciamanica che è la pietra angolare del film, ed è come se il portoghese avesse girato a seguito di quest'epifania: e cioè che l'arte è l'originario, l'Uno-Tutto da cui discendono poi l'esistenza, la letteratura, la morte e il cinema etc., e O velho do Restelo è un miracoloso quanto commovente tentativo di ricomporre tutti questi frammenti nell'Uno-Tutto da cui provengono, sì da ricrearlo, l'Uno-Tutto, e anzi forse, a ben vedere,  si ha l'impressione che O velho do Restelo sia già quest'Uno-Tutto.

VOTO: 5/5

Nessun commento:

Posta un commento