Fotogrammi #7: y31TFF, yorick al 31° Torino Film Festival


Be', ci siamo. Il TFF è ormai imminente e il programma è uscito. Le attese sono diverse (dall'Albert Serra di Birdsong alla visionarietà di Jodorowsky, passando per Eimbcke - coautore del progetto collettivo Revolución, nel quale figuravano, tra gli altri, l'Escalante di Sangre e il Reygadas di Post tenebras lux e Battaglia nel cielo - ed escludendo la ripetitività di Jarmusch per includere il Raya Martin dello strepitoso Now showing e, neanche a dirlo, il documentario su Il cavallo di Torino di Béla Tarr), soprattutto per quanto riguarda la sezione delle Onde e, insomma, per tutte quelle pellicole che saranno, con ogni probabilità, irrecuperabili. Quindi, compatibilmente con impegni universitari e le visioni dell'amico visione, con cui avrò di nuovo il piacere di condividere qualche giorno di festival come fu per quel della Biennale, in particolari modo per quanto riguarda l'insuperabile testamento di Tsai, Jiaoyou, pensavo di muovermi così (in grassetto, i film che attendo con più ansia):

Venerdì 22/11
1700h, Au nom du fils di Vincent Lannoo
1930h, Drinking buddies di Joe Swandberg
2200h, Lezuo di Giuseppe Boccassini / La ùltima película di Raya Martin

Sabato 23/11
0900h, Soles de primavera di Stefan Ivancic / Noche di Leonardo Brzezicki
1100h, Dance with me to the end of love di Yu Likwai / Neon goddesses di Yu Likwai
1400h, Sceneries of new beginning di Atsushi Shinohara
1630h, Historia de la meva mort di Albert Serra
1915h, LFO di Antonio Tublén
2200h, In the traveler's heart di Melissa Dullius & Gustavo Jahn / Sto lyko di di Christina Koutsospyrou & Aran Hughes

Domenica 24/11
1000h, Tarr Béla, I used to be a filmmaker di Jean-Marc Lamoure
1145h, Belleville baby di Mia Engberg
1430h, Mary is happy, Mary is happy di Nawapol Thamrongrattanarit
1730h, The conspiracy di Christopher MacBride
1945h, Mingri tianya di Yu Likwai
2200h, Chroniques équivoques di Lamine Ammar-Khodja

Lunedì 25/11
1000h, Silencio en la tierra de los sueños di Tito Molin
2000h, Dangkou di Yu Likwai
2145h, Ugly di Anurag Kashyap

Martedì 26/11
0930h, E agora? Lebra-me di Joaquim Pinto
1945h, Luton di Michalis Konstantatos
2200h, A spell to ward off the darkness di Ben Rivers & Ben Russell

Mercoledì 27/11
0900h, La plaga di Neus Ballús
1915h, Ida di Pawel Pawlikowski
2200h, Os caminhos de Jorge di Miguel Moraes Cabral

Giovedì 28/11
1200h, Sao karaoke di Visra Vichit Vadakan
1700h, Canìbal di Manuel Martín Cuenca
1915h, Carosello di Jorge Quintela  / Mahjong di João Pedro Rodrigues & João Rui Guerra da Mata / Rei inutil di Telmo Churro / Bibliografia di João Manso, Miguel Manso
2200h, Pelo malo di Mariana Rondón

Venerdì 29/11
0915h, Loubia hamra di Narimane Mari
1200h, La danza de la realidad di Alejandro Jodorowsky
1500h, Anak araw di Gym Lumbera
1930h, Inside Llewyn Davis di Joel & Ethan Coen
2230h, Cut di Christoph Girardet & Matthias Müller / Stop the pounding heart di Roberto Minervini 

Sabato 30/11
1100h, Club sàndwich di Fernando Eimbcke
1700h, La vita adesso di Salvatore Mereu
1930h, Yumen di J.P. Sniadecki, Xu Ruotao, Huang Xiang
2230h, Sceneries of new beginning di Atsushi Shinohara

8 commenti:

  1. Eh, lista allettante! Ho dato la prima occhiata al programma e come per Locarno, mi toccherà impazzire nel combinare tra film e giornate. Comunque posso già confermare per il momento quali, tra i titoli qui elencati riuscirò a vedere, vista la loro equipartizione:
    - La ùltima película
    - Sto lyko (questo mi attira un casino)
    - Tarr Béla, I used to be a filmmaker (ovviamente)
    - Cut
    ... Intanto...

    P.S. Ci sarebbe quel "Noche (Notte)" di Brzezicki che lo tengo d'occhio dalla sua presentazione all'ultimo IFFR ... :O
    Non posso perderlo... comunque ci sentiamo per mail.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Noche", l'avevo adocchiato anche io, e l'avevo messo nella giornata di sabato 23, assieme a "Sto lyko" e l'ultimo di Serra, il cui solo pensiero mi fa tremare di gioia. Ci sentiamo per mail!

      Elimina
  2. yorick ma sei di torino? io col fatto che vado a vedermi gli ulver a parma credo che mi sputtanerò sti 4 spiccioli..ogni anno mi dico "al prossimo tff mi farò l'abbonamento" e invece puntualmente mi ritrovo con le tasche vuote -_-
    comunque almeno il doc su tarr cercherò di non perdermelo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, vivo a Torino come fuorisede per l'università, ma sono veneto. Tu invece sì? Comunque il documentario su Tarr dev'essere qualcosa di imperdibile, così come quello che credo sia il capolavoro di Albert Serra, il locarniano "Historia de la meva mort", altro film imperdibile. Cribbio, però se fai una capatina per Tarr bisogna vedersi!

      Elimina
  3. Posso chiederti che cosa ha attirato la tua attenzione su "Mary is Happy.."? E' un film a cui tieni in modo particolare oppure l'hai inserito perchè non c'era nient'altro che ti ispirava di più?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. M'ispirava la protagonista, mi sembrava abbastanza schizzata... perché, a te non interessa?

      Elimina
    2. Ti chiedevo perchè ho visto che quel giorno, alla stessa ora, proiettano anche il film di Noah Baumbach (Frances Ha), alla sala 1 del cinema massimo... Un altro titolo che avevo segnato da tempo, comunque nessun problema, possiamo benissimo decidere al momento, male che vada ci separiamo per una visione.

      Elimina
    3. Potremmo andare vedere quello di Noah, allora. Semmai "Mary is happy, Mary is happy", lo becco un altro giorno.

      Elimina