Fantasma


Cos'è il cinema? Il cinema è Fantasma e, di per sé, Fantasma è un'unica immagine-affezione (cfr. Deleuze), primo-piano di se stesso. Vargas, protagonista di Los muertos, si dirige al Teatro General San Martín per una proiezione di Los muertos e, uscito dalla sala, viene intrattenuto dall'unica presente in sala per l'intera durata della pellicola: un'ora di silenzio, di movimenti, di musica che non produce ma accompagna il tempo, nient'altro. Fantasma è tutto questo, è il cinema al suo livello embrionale, il cinema che guarda e, guardando, si accorge di non star guardando che se stesso. Chi è il fantasma? Né il Vargas-spettatore né il Vargas-attore, il fantasma è il cinema stesso, una matrioska che trova nei differenziali di allucinazione la propria realtà. Non c'è tempo e non c'è il tempo, e lo stesso vale per lo spazio: non realtà o irrealtà bensì realtà e irrealtà, tant'è Vargas utilizza la locandina di Los muertos, nella quale è raffigurato, come uno specchio per aggiustarsi i capelli. L'astrazione, quindi, forse nemmeno quella, perché Lisandro Alonso, fondamentalmente, non astrae nulla dalle coordinate spazio-temporali del film: non ci sono coordinate spazio-temporali nel film, il film stesso è spazio e tempo, unica e sola coordinata, punto di riferimento, epicentro di reale e irreale. Immagine-affezione, icona che, slegata dalla spazio-temporalità, assurge a paradigma o a vera e propria espressione dell'effetto-affetto che suscita, Fantasma è il cinema, cinema di se stesso, primo-piano allo specchio, riflessivo e intensivo, cinema che si slega dal cinema, esprime il cinema come propria essenza, come principio della propria esistenza, e simultaneamente si fa cinema.

4 commenti:

  1. Ottima recensione, Yorick! Una disamina precisa nonchè, essenziale, in perfetta sintonia con il minimalismo del film: "lo specchio del cinema", avevo scritto su Mubi. E' stato il secondo filmone di Alonso che ho visto, dopo esser rimasto folgorato da "Los Muertos" e con questo, rimane al momento il mio preferito dell'argentino.
    P.S. ma dove sei andato a pescarmi con quel link? Pensa che non mi ricordavo nemmeno più di quel "blog". Anzi, all'epoca volevo addirittura eliminarlo... A ogni modo grazie ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, ma che eliminare? Ci son registi di cui devo assolutamente vedere qualcosa, lascialo là! Comunque, grazie, "Fantasma" è davvero un filmazzo coi controglioni di come se ne vedono pochi, avevo letto il tuo commento su MUBI ed è inutile dire che mi abbia aiutato nella sua decifrazione: minimalista, contemplativo, assolutamente godibile e mai noioso. Grandissimo Alonso!

      Elimina
    2. http://cinevisioni-anthology.tumblr.com/

      Dimmi se ti garba...

      Elimina